Lettori fissi

giovedì 15 giugno 2017

RECENSIONE "Le bambine dimenticate" di Sara Blaedel


     TITOLO: LE BAMBINE DIMENTICATE 
AUTORE: SARA BLAEDEL          
EDITO DA: FAZIEDITORE          
PUBBLICATO IL: 13/04/2017      
NUMERO PAGINE: 285           
   FORMATO: CARTACEO - EBOOK


Buongiorno a tutti lettori📚📖
scusate l'assenza, ma spesso conciliare tutto quello che ho da fare e' veramente difficile! Il libro di cui vi parlero' oggi e' "Le bambine dimenticate" di Sara Blaedel, edito da FAZIEDITORE, uno dei libri piu' belli che ho letto nell'ultimo periodo. 


TRAMA
Il cadavere di una donna viene trovato in un bosco isolato. Ha subito violenze sessuali e ha una strana, lunga cicatrice che le solca il viso. Nessuno ne ha denunciato la scomparsa. A essere incaricata delle indagini è Louise Rick, a capo del Servizio Investigativo Speciale, affiancata da Eik Nordstrom. Lei donna materna sotto la scorza dura, lui bello e dannato. Agnete Eskildsen, una vecchia infermiera, finalmente riconosce il corpo: la donna si chiama Lisemette ed era una paziente dell'ospedale psichiatrico infantile Eliselund, dove lei lavorava trent'anni prima. Una bambina dimenticata, come tutti gli altri dell'istituto, abbandonata dalla famiglia e dal mondo. Presto Louise scopre che Lisemette aveva una sorella gemella, ed entrambe erano state dichiarate morte quand'erano ancora piccole. È solo la prima di una serie di scoperte sempre più inquietanti, sull'infanzia di Lisemette e su quello che accadeva dietro le porte di Eliselund. A complicare ulteriormente le cose, le indagini portano Louise nei pressi della casa dov'è cresciuta, costringendola a fare i conti con un terribile segreto del suo passato che tornerà a galla insistentemente. Una vicenda intrigante e avvincente che terrà il lettore incollato alle pagine. Il primo libro di una nuova, emozionante serie. 



RECENSIONE
"Le bambine dimenticate" di Sara Blaedel e' il classico esempio di: MAI GIUDICARE UN LIBRO DALLA COPERTINA. Sara' la fede calcistica che il rosso e il nero, insieme, non me li fa amare per niente😂ᅠma se non fosse stato per la trama cosi' interessante non avrei mai scelto di leggerlo. 
Tutto inizia dal cadavere di una donna ritrovato in un bosco. In faccia ha una cicatrice molto grande e singolare, non dovrebbe essere difficile identifacarla, ma nessuno ne ha denunciato la scomparsa. Il caso verra' preso in carica dal capo del Servizio Investigativo Speciale Luise Rick, un personaggio che ho amato molto. E' una donna piena di fragilita' e dal passato segnato da eventi che sara' un vero piacere scoprire tra il susseguirsi dei capitoli, ma che riesce a mostrare sempre il suo lato forte e determinato. Luise durante le indagini sara' affiancata da Eik Nordstrom, altro personaggio tutto da scoprire e che imparerete ad apprezzare solo dopo averlo conosciuto fino in fondo.
Le indagini proseguono senza dare nessun risultato realmente interessante, finche', un'infermiera di un ospedale psichiatrico infantile, chiuso ormai da anni senza che nessuno ne sapesse il motivo, riconosce il volto del cadavere ritrovato. Sara' proprio da quel momento che le indagini prenderanno totalmente un'altra piega e che voi, proprio come me, non riuscirete piu' a staccarvi da quelle pagine.


" "C'e' una sorella" lesse ad alta voce, rialzandosi per avvicinare le pagine alla lampadina. "Una gemella di nome Mette".
[...] "Quindi non era Lisemette ma Lise e Mette", disse lui sfilandoil raccoglitore dalla pila. "Allora trascrivo anche il codice fiscale della gem...".
"E' morta", lo interruppe Louise sbigottita.
"Lise Andersen, morta il 27 Febbraio 1980". Eik si avvicino', reggendo il raccoglitore della gemella. "C'e' un certificato di morte, fra le ultime pagine. E' morta trentun anni fa. Ne aveva diciassette e mezzo"." 


Un altro personaggio di cui è importante che vi parli è Viggo Andersen, padre delle gemelle. Un uomo fragile e dal cuore tenero, tormentato dal suo passato e dai sensi di colpa. Viggo, pur non essendo uno dei protagonisti, ha un ruolo fondamentale per la risoluzione del caso. Sarà anche grazie a lui e ai suoi racconti, che Luise ed Eik riusciranno a fare chiarezza sulla vicenda.


" "Si, alla fine è andata così". Viggo Andersen arricciò le labbra, come se le parole si rifiutassero di uscirgli di bocca. "L'assistente sanitaria mi ha consigliato di dimenticare e di andare avanti con la mia vita.
[...] "E nel 1980 le è stata annunciata la morte di entrambe le sue figlie, giusto?" Lui annuì. "È andato al funerale?", gli disse Eik "No. Era già tutto fatto quando ho ricevuto le scatole con gli effetti personali. Mi hanno chiesto se volessi anche i vestiti, ma ho risposto di no". "


Proprio adesso, quando le indagini iniziavano a dare i loro frutti, una donna scompare mentre faceva jogging  e un'altra viene trovata morta. Tutto nello stesso bosco. Nasce così il sospetto che i casi siano collegati, e la necessità di trovare il colpevole per evitare che il bosco partorisca nuove vittime.  Ma tutte le vittime, avranno veramente una causa comune? Riusciranno a trovare la donna scomparsa? E soprattutto, cosa ne sarà stato dell'altra gemella? 
Un giallo entusiasmante e ricco di colpi di scena, perfetto per gli amanti del genere e per chiunque voglia approcciarsi a questo tipo di romanzi. Leggero, entusiasmante e trascinante, sono sicura che "Le bambine dimenticate" sarà capace di stupirvi! 


Vi lascio sotto il link dove poter acquistare la vostra copia. Ringrazio la CE FAZIEDITORE per avermi dato la possibilità di leggerlo e vi auguro una piacevole lettura.


VOTO: 8
CONSIGLIATO!!!

http://www.amazon.it/exec/obidos/ASIN/B06XCH7MSV/chiarabooklov-21  





1 commento:

  1. Questo thriller ha diversi elementi che mi attirano: storie con gemelli come protagonisti (hanno sempre un che di inquietante), ospedale psichiatrico, segreti terribili da portare a galla...

    premio per te, spero ti faccia piacere: https://chicchidipensieri.blogspot.it/2017/07/premio-liebster-award-2017.html

    RispondiElimina